La Mindfulness aiuta i bambini a migliorare in matematica, e non solo…

    Negli adulti, la Mindfulness ha dimostrato di avere effetti sorprendenti in tutto il corpo: aiuta a  combattere lo stress, protegge il cuore, riduce l’emicrania e forse prolunga anche la vita. Ma un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Developmental Psychology, suggerisce che i suoi effetti sono potenti anche in bambini di appena 9 anni, tanto che i benefici della mindfulness hanno dimostrato di migliorare di tutto: dalle abilità sociali ai punteggi in matematica. 

    I ricercatori hanno voluto verificare gli effetti di un programma che promuove l’apprendimento sociale ed emotivo attraverso la pratica di mindfulness ed esercizi di gentilezza, il cosiddetto MindUP. Sviluppato dalla fondazione di Goldie Hawn e usato nelle scuole degli Stati Uniti, del Canada e oltre.

    Gli autori dello studio hanno inserito  99 studenti delle scuole pubbliche di 4° e 5° grado  del British Columbia in uno dei due gruppi. Un gruppo è stato sottoposto a quattro mesi del programma di consapevolezza, mentre l’altro ha seguito per quattro mesi un programma standard sulla “responsabilità sociale” già utilizzato nelle scuole pubbliche canadesi.

    Nel gruppo di consapevolezza, il programma ha integrato esercizi sensoriali, come la  consapevole degli odori e la consapevolezza nel mangiare, con esercizi di consapevolezza cognitiva, come il vedere un problema da un altro punto di vista. I bambini hanno fatto una meditazione di tre minuti tre volte al giorno concentrandosi sulla loro respirazione. Essi hanno inoltre agito praticando gratitudine e facendo delle gentilezze per gli altri.

    Durante i quattro mesi, i ricercatori hanno analizzato in profondità tutti i tipi di misure, come la valutazione del comportamento, i livelli di cortisolo, le auto-valutazioni dei bambini del proprio benessere, le recensioni dei loro coetanei su socialità e i punteggi oggettivi ottenuti in matematica.

    I risultati sono stati sorprendenti. “Io davvero non credevo che avremmo avuto così tanti risultati positivi in tutti i molteplici livelli che abbiamo osservato,” ha detto la coautrice dello studio Kimberly A. Schonert-Reichl, una psicologa dell’età evolutiva presso l’Università della British Columbia. “Sono stata molto sorpresa – ha detto – specialmente se si considera che l’intervento ha avuto luogo alla fine dell’anno, notoriamente il momento peggiore per l’autocontrollo degli studenti”.

    Paragonati ai bambini del programma di responsabilità sociale, i bambini del programma di mindfulness avevano il 15% di punteggi migliori in matematica, mostravano comportamenti il 24% più sociali, erano il 24% meno aggressivi e si percepivano il 20% in più prosociali. Essi hanno sovra-performato i loro coetanei nel controllo cognitivo, nei livelli di stress, nel controllo emotivo, nell’ottimismo, nell’empatia, nella consapevolezza e nell’aggressività.

    “… gli insegnanti ci hanno detto che il programma ha aiutato i bambini a calmarsi di più – è facendo il programma, integrando queste pratiche di attenzione consapevole, diventando più attenti  e pensando di più agli altri, che in realtà diventano meno stressati”, dice Schonert-Reichl. “Questo ha implicazioni enormi, ed è necessaria una ulteriore ricerca.”

    Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, gli interventi di consapevolezza come questi sono promettenti. “Fare questo tipo di programmi a scuola non toglie nulla al mondo accademico“, dice Schonert-Reichl. “Si aggiunge a una letteratura di ricerca in crescita che sta mostrando, in realtà, che questo tipo di programmi e pratiche aumentano i guadagni accademici. Con l’aggiunta di questo programma si creano non solo studenti accademicamente più capaci e di successo, ma in realtà si creano studenti più attenti, meno stressati e più gentili“.

     

    Fonte: Timewww.time.com, pubblicato online il 26 gennaio 2015