L’esercizio fisico può essere una forma di terapia?

    Noi tutti conosciamo persone che fanno esercizio fisico per liberare la mente e per mantenersi in salute e una nuova ricerca mostra che così facendo è possibile fare al cervello ancora più bene di quanto ci si possa aspettare: un piccolo studio pubblicato su Cognitive Behaviour Therapy infatti ha rilevato che correre può contribuire a ridurre i sintomi del Disturbo post-traumatico da stress (PTSD).

    I ricercatori dell’Università del Texas a Austin hanno studiato nove individui che soffrivano di PTSD, i quali sono stati assegnati a due gruppi: il primo gruppo ha corso per 30 minuti prima di ogni sessione di terapia per 12 settimane, mentre il secondo gruppo si è solo sottoposto alle normali sedute di terapeutiche .

    Al termine delle 12 settimane i ricercatori hanno trovato che il gruppo che svolgeva l’esercizio fisico in aggiunta alla terapia ha aumentato i livelli di una proteina cerebrale, la brain-derived neurotrophic factor (BDNF) – una proteina che aiuta il cervello ad adeguarsi ad ambienti stressanti e a riparare se stesso, pertanto favorisce il processo di recupero dopo un evento traumatico – mentre i livelli del secondo gruppo di BDNF erano rimasti gli stessi. Il primo gruppo ha avuto anche un calo più grande dei sintomi del  PTSD nel corso dello studio, che i ricercatori hanno attribuito all’aumento della BDNF, che è il risultato appunto dell’esercizio fisico.

    In qualità di leader dello studio,  Newswire ha detto  “E ‘eccitante che una cosa così semplice – correre – possa avere un tale impatto sul trattamento del PTSD“. Tuttavia le persone coinvolte in questo studio sono state solo nove così ora i ricercatori in Canada stanno lavorando su un campione più grande: tre anni di studio con 120 partecipanti che saranno divisi in quattro gruppi – solo esercizio fisico, solo terapia, esercizio e terapia e un gruppo di controllo lista di attesa – per valutare la ripetibilità dei risultati già raggiunti.

    Newswire ha aggiunto “Questa è un’area molto incoraggiante della ricerca. Un altro recente studio del nostro gruppo, così come i risultati di Powers e altri, suggeriscono che l’esercizio aerobico può non solo migliorare i risultati del trattamento, ma può essere da sé un trattamento valido per il PTSD “.

    I ricercatori sono ottimisti circa la possibilità che la corsa – o qualsiasi altro esercizio aerobico – possa essere una forma legittima di terapia.

     

     

    By Adjua Fisher  |  June 29, 2015
    Published on BeWellPhilly (http://www.phillymag.com/)

    Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento Maggiori Informazioni

    The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

    Close

    Sono presente su Psicologi Italia